ForumCommunity

Reply

Dizionario Siculo Italiano

« Older   Newer »
-=|Þø£¡wåy|=-
view post Posted on 14/5/2008, 20:03 Quote




. Va sucati un pruno = vai a succhiare una prugna: vai a fare qualcosa di meno impegnativo
- U sticchio è duci e c'unnavi ecca vuci = la vagina è dolce e chi non ne ha urla, astinenza
- Schitto o maritato? = celibe o sposato? Si dice del pane con la milza: maritato con formaggio, schitto senza
- Mi stai vuncianno a minchia = mi stai gonfiando il pene, mi provochi sensazioni fastidiose
- A cu pigghiu pigghiu = a chi prendo prendo, vado a casaccio
- Ti puirtassi i minni a lamiera = ti ridurrei i seni a lamiera, ti leccherei i seni consumandoli
- Ti facissi u pigiamino i saliva = ti produrrei un pigiama di saliva, ti leccherei tutta
- Sangu miu = sangue mio, gioia mia
- Sangu miu unni fa a pipì =sangue mio da dove fai la pipì, la tua vagina mi provoca gioia
- Test'i cernia = testa di cernia, stupido
- Test'i mulune = testa di cocomero, calvo
- Ma chi ave u sacco chi pupi? =ma cos'hai un sacco coi burattini? Qualcosa ti diverte senza motivo?
- Sticchio = vagina
- Parpaglione = folto pelo pubico femminile
- Pezzo di sticchio = bella ragazza
- T'accavallo na buoffa = ti do uno schiaffo poderoso
- "Enzo se cadi ti do il resto!" = solitamente il padre lo dice al figlio avvertendolo che, se dovesse cadere, rincarerà la dose procurandogli ulteriore dolore
- Ti rugnu na tistata na calata ru morbo = ti do una testata dove schende il muco, all'inizio delle mucose nasali
- Ti rugnu na tistata na cruc'i luocchi = ti do una testata nella croce degli occhi, tra le sopracciglia
- Va sparati ca mierda = vai a spararti con le feci,

- Ma u cirivieddu ti sierbe a spartiri a'ricchi? = ma il cervello ti occorre a dividere le orecchie? si evidenzia la mancanza di cervello
- Va trasiti i cocò = entrati le galline nel pollaio, vai a fare qualcosa di agreste
- Si unciero: l'ogghiu fitusu e a parella spunnata = si sono associati:l'olio sporco e la padella sfondata, si dice alle coppie male assortite
- Tascio = tamarro, di cattivo gusto
- Ci scippo a vairba a una a una ca' pinzietta = gli strappo la barba pelo per pelo con la pinzetta, lo torturo lentamente
- Ma com'è d'aieri? = ma è scaduto, marcito, andato a male? si dice alla persona che parla a sproposito o ragiona all'antica
- "Ci munnu atri rue?" = gliene sbuccio ancora? Ha gradito? Lo utilizzano i venditori ambulanti di fichi d'india
- Ti lampìo = ti do uno schiaffo procurandoti la visione di un lampo, velocissimo
- U porcu ri notte sempri favi si sonna = il maiale di notte sogna sempre le fave, chiodo fisso - Pinnulara = ciglia
- Spinnu 'i minni sicchi = desiderio di mammelle vuote, desiderio irrealizzabile

- U' fangu in confronto à tia è acqua distillata! = Il fango in confronto a te, è acqua distillata Sei una persona poco affidabile e traditrice
- Ti tagghiu à facci a ferri ì' cavallo cù l'ugnia rù piere! = Ti taglio la faccia a ferro di cavallo con l'unghia del piede Ti faccio del male utilizzando le armi a disposizione del mio corpo
- Ti mittisti à chiattidda! = Ti sei messo a mignatta Mi hai ripetutamente ribadito la stessa cosa più volte, credendo che io non l'abbia capita, ma in realtà l'ho capita
- Quanto stimo à pasta ò furnu, un cì viegnu chiù cà! = Quanto stimo la pasta al forno, non verrò più qui. Non metterò mai più piede in questo posto, parola mia.
- U' Paracqua = - L'Ombrello
- A' Rina = La Sabbia
- Il Pacchiologo (catanese) = Il Ginecologo
- U' Sansale = L'Agente Immobiliare


- A minchia unn'avi uocchi = la minchia non ha occhi, dimostra la democraticità dell'organo sessuale maschile che non fa alcuna differenze in ordine all'organo sessuale femminile.
- Ogni pirtuso è port'i mari = ogni buco è luogo d'approdo, complementare alla superiore frase dimostra la democraticità dell'organo sessuale femminile che non fa differenze nei confronti dell'organo sessuale maschile

- Ti rugnu buaffi a dui a dui finu a quannu addiventanu dispari = ti do schiaffi a due a due fino a quando diventano dispari; ti schiaffegio interminatamente

-Un c'è cosa peggiore 'i quanno un uocchio un pò viriri l'avutru uocchio = non c'è cosa peggiore di quando un occhio non può guardare l'altro occhio, è bruttissima l'antipatia epidermica.
-Va stricati a facci nna rrina = vai gentilmente a strofinare il tuo bel viso sulla sabbia, non urtare la mia suscettibilità e spostati
-A casa capi quanto voli u patruni = la casa è capiente quanto desidera il proprietario, frase in voga tra i trentenni col monolocale!

-Na vota ca si sburdi u gghiacatu un lu si po' arripigghiari cchiu'!= Una volta che la strada lastricata di ciottoli,si e' rovinata,non la si puo' piu' riparare;Dicesi di situazione irrimediabile!
-Quannu a fimmina un voli u masculu un po'! = Se la donna non vuole,l'uomo non puo' (rimedio nti profumiera!)
-U sceccu porta a pagghia e iddu sa mancia = L'asino porta la paglia e lui stesso la mangia...dicesi di persona che mette a disposizione del gruppo cibi o bevande che pero' utilizzera' a proprio vantaggio
-In tempu i carestia,ogni pirtusu e' galleria = In tempo di crisi,financo un pertuggio e' equipollente ad una galleria...chiaro il parallelismo tra il foro e la vagina
-Un corpu o circhiu e uno o timpagno =di persona doppiogiochista
-Spariti na n'caccagnu ca mori ballannu ballannu =sparati in un tallone che muori ballando ballando!

-Va sbatti l'ove chi minni =utilizza i tuoi seni per montare le uova; a colei che le minne le ha grosse
-T'avissi a scattiari a pompetta C ru cuori =ti dovrebbe scoppiare il cuore e vene limitrofe; delicata frase da rivolgere a chi stimi tantissimo.
-Si chiù fausu ri picciuli ru monopoli =sei più falso dei soldi del monopoli.

ESERCIZI

Nell'ottica di formare i giovani virgulti siciliani all'apprendimento del nostro amato dialetto, ho pensato di strutturare una serie di corsi empirici, con diretti riferimenti a situazioni pratiche.
Oggi esamineremo la sezione 1 delle "situazioni pratiche".

Situazione: due interlocutori A e B hanno una discussione molto accesa. Il terzo, C, si intromette nella discussione.

Section 1

Excercice number one.

Listen and repeat.

A: Chiè, cucì hai pobblemi?
B: Io unn'aiu pobblemi, i pobblemi a scuola su!
A: Allora finiscila ì taliare e levati ì ravanzi!
B: Viri ri 'un fare ù spachiggiaturi cùmia!
A: Vasinnò chi fai?
B: Ti tagghiu à facci a ferri ì' cavallo cù l'ugnia rù piere!
A: Chiè, ti piggiasti à pinnula rù coraggio?
B: Talè, un tì sputo vasinnò acquisti valuri!
A: Compà, viri cà a fuoirza ì vastunate ti rapu un conto corrente nà banca rù sangue e ti fazzu fare i versamenti in Euro!
B: Ma unni ti sierbi pì cirivieddu? Cancia carnezzeria!
A. Ti scricchio à tiesta e mi pigghio chiddu tuo!
B: Amuni, viremo comu ci vai?
C: (terzo interlocutore detto "Il Pacificatore"): A' vulemu finire però! Ah! Un successi niente, tuutt'apposto! Finiemula!


Per un corretto esercizio, il testo va letto e ripetuto diverse volte al giorno, possibilmente con un soggetto che funge da interlocutore. Successivamente ci si scambia i ruoli per esercitarsi reciprocamente sulle parti.

Traducete il brano precedente in italiano. Poi confrontate la vostra soluzione con quella contenuta in questa pagina.

Section 1

Excercice number two.

Traslate.

(Ecco la soluzione. La sigla "ndt" sta per "note di traduzione")


A: Dimmi, cugino (epiteto affettuoso, ndt) hai problemi?
B: No, non ne ho. Credo che l'unico posto in cui risiedano i problemi sia la scuola.
A: Allora smettila di fissarmi e sparisci!
B: Cerca di non fare il gradasso con me!
A: Altrimenti cosa hai intenzione di fare?
B: Ti taglierò la faccia a ferro di cavallo (cioè in senso circolare antiorario, ndt) con la mia unghia del piede (destro o sinistro è irrilevante, ndt)
A: Dimmi, hai preso una pillola per acquistare un tale coraggio?
B: Guarda, non ti sputo, altrimenti acquisteresti del valore!
A: Compare (altro epiteto affettuoso, ndt) vedi che ti do tante di quelle bastonate da poterci aprire un conto corrente alla banca del sangue. Con i versamenti In Euro.
B: Ma dove ti sei procurato questa tua intelligenza? Cambia macelleria!
A. Potrei aprirti la testa e prendermi la tua (qui cambia il complemento oggetto da maschile a femminile in fase di traduzione, ndt)
B: Avanti, fammi vedere come hai intenzione di procedere!
C: (terzo interlocutore detto "Il Pacificatore"): La vogliamo finire però? Ah (invariato in fase di traduzione in quanto suono gutturale non traducibile, ndt) ? Non è successo niente, è tutto a posto, finiamola!
 
Top
0 replies since 14/5/2008, 20:03
 
Reply